Effettua il login per scoprire le offerte e i concorsi
o per pubblicizzare la tua attività turistica
Entra nella communitour di
Italia Tour 360!
Più partecipi più guadagni i punti necessari
per vicnere i premi in palio!

Più dinamico di una foto
Più interattivo di un video...
il Tour Virtuale

I tour virtuali di Italia Tour 360 sono simulazioni di realtà in alta definizione.
Un modo innovativo e coinvolgente per far vivere ai futuri clienti l'esperienza di scoprire ogni particolare della tua location.
Acquista un tour virtuale da inserire nella scheda della tua struttura.
Aumentaranno anche i visitatori reali!
Clicca e scopri la Magia dei Virtual Tour
acquista
Promuovi la tua struttura
Scegli uno dei pacchetti
pubblciitari Italia Tour 360

> Strutture Ricettive
strutture-ricettive
> Enti Pubblici/Associazioni
> Social Network
> Servizi Extra
> Tour Virtuali
> Eventi
dettagli acquista
magazine
Questo Articolo è stato letto 699 volte | Torna al Magazine Piccoli comuni
13 feb
Condividi

magazine

 

Scenicamente incastonato nella valle reatina del Tevere, a 250 m. s. l. m., sorge il piccolo paese di Poggio Mirteto che con 6.500 anime è il principale punto di riferimento geografico ed economico della bassa Sabina. A fare da ingresso alla città la Porta Farnese, riconosciuta come il più importante monumento rinascimentale di Poggio Mirteto. Si accede così ad uno scenario archeologico fatto di chiese, palazzi e strutture architettoniche di diverso ordine: la Cattedrale realizzata tra 1641 e il 1725; il Palazzo Abbaziale di origine medievale; la Chiesa di San Rocco ricostruita nel 1785; la Chiesa di San Giovanni Decollato del 1500, tanto per citarne alcuni. Ciò che davvero caratterizza questa piccola cittadina e la distingue dagli altri centri del reatino è la vivacità culturale. Oltrepassando infatti la Porta, si giunge alla Piazza della città che ogni anno si colora di maschere per ospitare il carnevale più bizzarro del centro Italia. E se in tantissime città il carnevale è la festa più ironica, a Poggio Mirteto questa festività non solo cambia nome ma diventa addirittura provocatoria e pagana. E' il rinomato "Carnevalone Liberato" che si festeggia durante la prima domenica di Quaresima.

 

L'Evento: Il carnevale poggiano affonda le sue radici nella rivolta popolare del 24 febbraio 1861, data in cui la città di Poggio Mirteto decretò la liberazione dallo Stato Pontificio. Il nome stesso si è diffuso in quell'anno, quando per la prima volta, ad imitazione dei carnevali italiani più famosi, un grosso fantoccio di cartapesta, detto appunto "carnevalone", sfilò per le vie della cittadina per essere poi bruciato in piazza nella prima domenica di Quaresima. Da allora i festeggiamenti continuarono ad essere in voga fino al 1929, anno dei patti lateranensi, quando il regime fascista decise di sopprimerli. Era il 1977 quando il "Carnevalone Liberato" tornò in auge conservando la sua sarcastica ironia anticlericale.

Variopinto il programma di questo 151° anniversario che vedrà la presenza della "Pantasima", una tipica rappresentazione popolare che si tiene nell'ambito delle feste patronali, del "Bamboccio", e del "Sindaco del Carnevalone Liberato". Baldoria, colori, musica, pizze fritte e artisti di strada daranno colore alla città che a partire dalle 16.00 ospiterà sul palco una delle band vincitrici del contest "Waiting for Carnevalone 2013" e più tardi "The Raggae Circus" di Adriano Bono. E poi ancora, la cittadina reatina accoglierà i "Kutso", il trio bizzarro "Honeybird & the Birdies" e il "Minimo Sindacale". Grande attesa anche per i "Caracca Tamburi Itineranti", gli "Akuna Matata" e i "Leccati e Sfonati". Immancabile il folklore del pubblico in costume che farà a gara per la maschera più fantasiosa e darà vita all'incoronazione del Re e della Regina del Carnevalone Liberato 2013.

Appuntamento a domenica 17 febbraio 2013 per chiunque voglia prendere parte a questa giornata di coloratissima anticonvenzionalità e scoprire il fascino storico di Poggio Mirteto. Sono disponibili bus navette che collegano la stazione al paese rispettando gli orari di arrivo dei treni regionali. Per tutti gli aggiornamenti visitate il sito dell'evento www.carnevalone.net. E se avete ancora spazio per qualche dolce di carnevale... lasciati conquistare dalle specialità tipiche raccontate nella nostra rubrica "A tavola".